closeAttenzione: Questo articolo/post è stato scritto 15 anni 7 mesi fa!

Tutto scorre, tutto cambia, molto probabilmente non sono più la stessa persona di allora. Smile

La forza che urgendo nel verde calamo guida il fiore,
guida la mia verde età; quell’impeto che squassa le radici degli alberi
è per me distruzione.
E muto non so dire alla rosa avvizzita
che questa febbre invernale piega anche la mia giovinezza.

La forza che guida l’acqua tra le rocce,
guida il mio rosso sangue; quella stessa che asciuga le sorgenti che gridano,
le mie raggruma;
e son muto a gridare alle mie vene
che a quell’alpestre polla succhia la stessa bocca.

La mano che mulina l’acqua dentro alla pozza
sommuove il fondo limo; quella che lega i vènti, ora il sudario
della mia vela spinge.
E sono muto a dire all’impiccato
quant’è della mia argilla in chi lo impicca.

Le labbra del tempo lambiscono dove la fonte fa vena;
goccia l’amore, gonfia, ma il sangue che cade, di lei
addolcirà le pene.
E sono muto a dire al soffio che si leva
che paradiso è scandito dal tempo intorno alle stelle:

muto a dire alla tomba dell’amante
che sul mio letto appare lo stesso verme aggrinzito.

Dylan Thomas (trad. Eugenio Montale) Testo originale in inglese (su Google)

Capisci?
L’Amore è una musica che non appartiene nè a me, nè a te.
Nè, forse, a noi.
E’ una musica.