closeAttenzione: Questo articolo/post è stato scritto 16 anni 7 mesi 4 giorni fa!

Tutto scorre, tutto cambia, molto probabilmente non sono più la stessa persona di allora. Smile


Un sageo è il nodo che lega la katana all’hakama.
La spada alla vita del suo portatore.
La lama alla mente.

"Appena ti fabbrichi un pensiero … ridici sopra" diceva Lao Tse.
Sarà per questo che ogni volta che torno al mio sageo lo sciolgo?

Un sageo è un nodo complesso, come un nodo marinaio ma con l’eleganza sintetica di un origami.
Un sageo è un nodo bellissimo, da fare e da ammirare.
Un sageo richiede pazienza, molta.
Sembra un nodo assurdo, e invece basta tirare un solo filo per scioglierlo, per annullarlo, come un onda la sabbia.

Un amore è un nodo, un’amicizia è un nodo, una carriera è un nodo, una preoccupazione è un nodo, una paura è un nodo, una conquista è un nodo?
Fare&disfare, la vita è così. Creiamo nodi che il tempo i nemici o noi stessi prima o poi ci sorprenderemo a sciogliere, sfilando con inaspettata semplicità il capo di quello stesso nodo che fino a pochi ideali prima credevamo invincibile.
Fare&disfare, fare&disfare, la vita è così, folle, splendida, inutile e meravigliosa.
Come i mantra di sabbia buddhisthi.

Appena ti fabbrichi un pensiero … ridici sopra.
Appena ti fabbrichi un nodo, scioglilo.

In seiza su un cuscino blu, al centro di un tappeto di alghe marine intriso di risacca, ho ripiegato il fodero viola della mia spada sulla sinistra. Sento il peso della katana sulle ginocchia, tengo gli occhi chiusi nonostante il buio per costringere le dita a guidare la mente e non viceversa. Penso con le dita, ecco. Ho finito, ora la mente è pronta per usare la spada e non viceversa. Mi alzo in piedi, la sinistra stringe il legno laccato del fodero. La lama sibila mentre la sfodero, il colpo vibra nei gomiti, espiro, rinfodero. Tiro un capo del sageo, il nodo ritorno un pezzo di tessuto informe, ora so di poter andare a dormire. Il sageo ha sciolto via tutti i miei demoni, posso dormire e sognare, sorrido.

E così, ogni sera che sento il richiamo di quel fodero di tessuto viola, mormoro il mio mantra invisibile al vuoto.

Libera i tuoi nodi, torna a stringerli, tieni salda la lama alla mente.
Prima o poi ti servirà.


per giapponesofili, incuriositi dalle immagini, appassionati di iaido, arti marziali etc etc … click qui