closeAttenzione: Questo articolo/post è stato scritto 15 anni 6 mesi 2 giorni fa!

Tutto scorre, tutto cambia, molto probabilmente non sono più la stessa persona di allora. Smile

Ecco, ecco, questo sono io. O almeno è parte di quello che vorrei essere.

«Per libro noi intendiamo ogni riunione, ogni organizzazione non autorizzata di parole il cui fine primo e ultimo sia ferire il cervello del lettore, ridicolizzare le sue più intime e salde convinzioni, mostrare la stupidità dei suoi più ragionevoli ragionamenti, arricchire la sua vita di ombre e luci mai vissute prima. In questa fine di Ventesimo secolo di libri così non se ne scrivono e, se pure, non si leggerebbero. Noi vogliamo aizzare, istigare chi ha le capacità di scrivere un libro: perché per noi, dire libro è già dire rivolta. Ecco perché libro va in corsivo, perché deve tagliare, essere affilato, subdolo nella sua onesta ricerca della verità, fare deragliare il senso comune. Il libro quieto non esiste, è un’aporia, una contraddizione in termini. La libertà che offre un libro è la ferita degli ideali e delle convinzioni… è assurdo e quasi un crimine che un libro, la lettura, non comporti per ciò stesso febbri e convulsioni… è assurdo che un libro possa essere letto in metropolitana o per rilassarsi, davanti al fuocherello di un camino o in spiaggia sotto l’ombrellone… Libri così non esistono o per lo meno non hanno il diritto di chiamarsi libri. Per leggere i libri che intendiamo noi bisogna armarsi di scudo e lance, accettare di ferirsi e di perdere molto, molto sangue… Riconosciamo l’esistenza di libri teorici e pratici, dove i primi insegnano modi e tecniche per mettersi in rivolta nell’animo, i secondi colpiscono direttamente il lettore per quello che dicono e per i concetti che esprimono. Noi crediamo al libro come strumento di ribellione dei popoli oppressi e come strumento di risveglio dei popoli liberi. Con i libri si cambia il mondo, con i libri si possono fare le uniche guerre giuste e sante. Noi non amiamo la pace interiore, pur consapevoli che la prima rivoluzione di tutti i tempi sia stata quella della terra intorno al sole, che da miliardi di anni segue sempre le stesse regole. Libro è lib-e-ro troncato della e che gira le terre e i cuori degli uomini, indossa l’elmo appuntito di un accento e insegna urlando che cosa è la libertà, che cosa è vita, chi è uomo».

Ugo Cundari, “Mistero Napoli”, Tullio Pironti, Napoli