closeAttenzione: Questo articolo/post è stato scritto 16 anni 9 mesi 7 giorni fa!

Tutto scorre, tutto cambia, molto probabilmente non sono più la stessa persona di allora. Smile

Cito testualmente da La follia che viene dalle Ninfe, di Roberto Calasso – Adelphi:

[…] Rabbi Eisik figlio di Jekel ha un sogno che si ripete e gli intima di andare a Praga, dove avrebbe trovato un tesoro nascosto sotto il ponte che conduce al castello dei re boemi. Rabbi Eisik va a Praga, osserva il ponte ma si accorge che è sempre sorvegliato da sentinelle.
Testardo, continua a vagare nella zona. Alla fine il capitano delle guardie, colpito da quel vecchio ostinato gli chiede che cosa cerca. Rabbi Elsik racconta la storia del suo sogno, il capitano delle guardie scoppia a ridere. E gli racconta un’altra storia:<< Guarda che se i sogni fossero veritieri in questo momento starei facendo un viaggio che è l’inverso del tuo. E naturalmente non troverei niente. Sappi che ho sognato che avrei trovato un tesoro a Cracovia, nella casa di un rabbino che si chiama Elsik figlio di Jekel, dietro la stufa. Figurati, andare a Cracoviadove metà degli uomini si chiamano Eisik e l’altra metà Jekel…>>
Il rabbino Eisik figlio di Jekel ascolta senza commentare e torna subito a casa sua a Cracovia. Dietro la stufa trova il tesoro.
Il punto della storia – osservò un grande indologo, Heinrich Zimmer – non è che il tesoro da noi cercato si trovi più vicino di quel che pensiamo. Se così fosse, la storia di Rabbi Eisik somiglierebbe a mille altre. Il punto decisivo è che il luogo del tesoro deve essere rivelato da uno Straniero, il quale non sa neppure in quel momento che ci sta illuminando. Se non avesse incontrato il capitano dell guardie nella lontana Praga, Rabbi Eisik non avrebbe mai guardato nell’angolo dietro la stufa di casa sua. […]

Dedicato agli xenofobi, ai fascisti ammalati un po’ di figlodipapite e un po’ di adolescenza, agli intolleranti e a chi ha paura dell’Oriente. Ma dedicato in realtà soprattutto a siddhartha, che tra due giorni parte per Santiago de Compostela.
Quando tornerai, finalmente folle, dalle Ninfe del tuo Erasmus, ricordati di guardare dietro la stufa! Buona ricerca e buon viaggio, amico mio.